Primi passi con Scribus

From Scribus Documentation Project

Jump to: navigation, search

Per introdurre la logica di funzionamento di Scribus, prendiamo come esempio la creazione della copertina per il catologo di un'esposizione – immaginaria – di Rembrandt. Per seguire le tappe descritte in questo esempio è necessario:

Lo scopo finale è di ottenere il risultato seguente:

Image:Rembrandt Cover 400-it.png

Contents

Prima tappa: Creare il documento e inserire il colore di sfondo

Siete sicuramente anche voi abituati al funzionamento degli elaboratori testi: appena creato un nuovo file, appare la prima pagina e si può direttamente cominciare a scrivere nel nuovo documento; se una nuova pagina è necessaria si crea automaticamente. Scribus – come è abitudine nel Desktop Publishing – segue una logica un po' differente: per esempio, per creare una nuova pagina, bisogna dirlo esplicitamente al programma. Infatti, i programmi di Desktop Publishing danno all'utilizzatore il controllo assoluto sul design e sul contenuto del documento.

Scegliendo nel menu File il comando New, Scribus apre la finestra di dialogo seguente:

Image:Rembrandt1-it.png

Per la copertina di questo catalogo scegliete il layout Pagina singola. Per la Dimensione della pagina scegliete "Personalizzato", e definite un'altezza di 285 mm, ciò corrisponde alle dimensioni di una pagina "US Letter". Siccome la copertina non avrà margini, definite i quattro margini con il valore 0 mm. Non è necessario modificare le altre impostazioni.

Cliccando sul bottone "Ok", Scribus crea un nuovo documento con una pagina vuota:

Procedete aggiungendo alla pagina uno sfondo grigio. Potete cliccare sul rettangolo bianco nella barra di menu o schiacciare il tasto "S" della tastiera. Sì, premendo "S" non avete scritto "S" sulla pagina ma avete attivato la funzione per l'inserimento delle forme (in inglese "Shape"). Per scrivere del testo è necessario creare un contenitore specifico chiamato "Cornice di Testo", tema che verrà trattato nella prossima tappa.

Il puntatore del mouse diventa un rettangolo con un "+" nel suo angolo in alto a sinistra. Cliccate e tenendo schiacciato il tasto sinistro del mouse, trascinate il cursore attraverso la pagina e quando il rettangolo sarà delle dimensioni volute, rilasciate il mouse: avete creato la prima cornice. Per ora le dimensioni, la posizione e il colore non sono importanti: li cambieremo immediatamente.

Se non avete cliccato altrove sullo schermo, il nuovo rettangolo è ancora selezionato: il suo perimetro dovrebbe essere formato da una linea punteggiata rossa e agli angoli e nel mezzo dei lati dovrebbero esserci delle "maniglie". Tramite il menu Finestre > Proprietà o il tasto "F2" aprite la palette "Proprietà": questa palette è il vero centro nevralgico per Scribus. Per ora, facciamo conoscenza della scheda principale "X,Y,Z". È buona abitudine dare ad ogni oggetto un nome unico: in documenti complessi, l'uso di nomi espliciti facilita la selezione degli elementi. Dunque, date il nome "Sfondo" al rettangolo appena creato.

Modificate adesso le dimensioni del rettangolo fino a coprire la totalità della pagina: vi ricordate le dimensioni della pagina definite al momento della creazione del documento? Usate gli stessi valori per la larghezza e l'altezza del rettangolo. Prima, però, è necessario cliccare sull'icona con la catena (a destra delle caselle dei valori relativi alla larghezza e all'altezza). Se si prova a cambiare uno dei due valori, per esempio l'altezza, senza disattivare la catena, l'altezza verrà modificata in proporzione. Per poter agire in modo indipendente sui due valori è necessario "scollegarli" disattivando la catena.

Adesso che il rettangolo ha esattamente le dimensioni della pagina, dovete accertarvi che sia allineato con i margini della stessa, definendo le posizioni X e Y con uno 0.000 (è suffficiente rimpiazzare il valore attuale con uno 0: Scribus aggiunge automaticamente la virgola e gli zero).

Image:Rembrandt4-it.png

Di default, Scribus usa il nero come colore di riempimento per le nuove forme. Per sostuirlo con il grigio, aprite la palette "Proprietà" e – facendo attenzione che il rettangolo sia ancora selezionato – attivate la scheda "Colori" e scegliete il colore "Grey41" per il colore di sfondo.

In Scribus, ogni forma e ogni cornice hanno un bordo. Nel caso delle forme, il colore predefinito per il bordo è il nero. Siccome la cornice per lo sfondo non necessita di un bordo, cliccate sul simbolo con la penna e scegliete il colore "Nessuno" (si trova sempre in cima alla lista).

Lo sfondo è finito. Per assicurarvi che non venga manomesso involontariamente, tornate alla scheda "X,Y,Z" della palette "Proprietà" e cliccate sul simbolo col lucchetto: lo sfondo sarà protetto da ogni tentativo di modifica.

Image:Rembrandt6-it.png

Seconda tappa: Inserire l'immagine di copertina

Se con un elaboratore di testi si può inserire le immagini direttamente nel documento, con Scribus è necessario inserire le immagini in "contenitori" (le cornici Immagine) creati appositamente. Per inserire un immagine – o meglio, un immagine in bitmap – create una "Cornice immagine" cliccando sull'apposita icona nella barra degli strumenti o schiacciando il tasto "I". Disegnate la cornice procedendo in modo analogo a come fatto per lo sfondo; andate nella scheda "X,Y,Z" della palette Proprietà. Date un nome alla cornice ("Rembrandt1"), inserite le coordinate X e Y, e definite i valori di larghezza e altezza (vedi screenshot qui sotto).

L'immagine di copertina deve essere posizionata esattamente nell'angolo in basso a destra della pagina. Ma come si fa? È più semplice di quanto si possa pensare. Le coordinate X e Y dell'angolo in basso a destra della pagina sono note: 210 mm e 285mm. Per cui si possono inserire questi due valori nei campi "Pos X" e "Pos Y". Ma non così in fretta. Prima, è necessario cambiare il punto base dell'oggetto. I valori 0.000 usati per la cornice dello sfondo grigio si riferivano all'angolo in alto a sinistra della pagina. Siccome quest'immagine dovrà essere piazzata in basso a destra, è necessario spostare il punto base in basso a destra prima di modificare le coordinate. Approfittatene per bloccare le dimensioni della cornice.

Image:Rembrandt7-it.png

Per dare un tocco artistico al design, aggiungete una copia dell'immagine di copertina: ne sarà visibile unicamente una piccola striscia sulla sinistra. Utilizzando Elemento > Duplicazione multipla, è possibile definire i valori precisi per gli spostamenti orizzontale e verticale. I valori per una copia con uno spostamento orizzontale di -6 mm – dunque posizionata alla sinistra dell'immagine di copertina – sono riassunti nello screenshot seguente:


Image:Rembrandt8-it.png

Siccome la nuova cornice è una copia di "Rembrandt1", non è necessario quindi modificarne le dimensioni e anche la posizione, determinata al momento della copia, è già corretta. Come d'abitudine cambiate il nome usando "Rembrandt2". Ma ora c'è un'altro problema: l'immagine appena creata ricopre parzialmente la cornice che contiene l'immagine principale. Ognuno degli elementi creati finora è stato piazzato, nell'ordine, sopra ai precedenti. In questo caso si rende necessario spostare l'ultima immagine creata dietro all'immagine di copertina: l'"abbassate" dunque di un livello, sotto a "Rembrandt1".

Image:Rembrandt9-it.png

È ora di passare alle cose serie e d'inserire nella cornice l'immagine scaricata da Wikimedia. Per caricarla, con un click destro sulla cornice "Rembrandt1" aprite il menu constestuale e scegliete il comando "Carica immagine":

Image:Rembrandt10-it.png

Si apre la finestra di dialogo e, come spesso succede, nella cartella c'è un gran numero di immagini con nomi simili. Come fare per trovare il file cercato? Facile, Scribus mostra un'anteprima delle immagini:

Image:Rembrandt11-it.png

Una volta trovata la versione giusta del file, cliccate sul bottone "Apri" o usate un doppio clic... ma cos'è questo?

Image:Rembrandt12-it.png

Le dimensioni dell'immagine e quelle della cornice non sono identiche e solo una parte dell'immagine è visibile. Per fortuna, anche questa volta la palette Proprietà contiene la soluzione e vi permette di farle combaciare l'una con l'altra. Nella scheda "Immagine", basta spuntare l'opzione "Adatta alla cornice" e "Proporzionale" e l'immagine di copertina sarà piazzata perfettamente:

Image:Rembrandt14-it.png Copiate adesso il contenuto di "Rembrandt1" in "Rembrandt2". Fate un clic destro su "Rembrandt1" e eseguite il comando Contenuto > Copia. Con un clic destro su "Rembrandt2" e usate il comando Contenuto > Incolla per inserire una copia del contenuto. Il risultato non è particolarmente spettacolare, ma lo miglioreremo con un pizzico di magia: usando di nuovo il menu contestuale e scegliendo questa volta il comando "Effetti immagine":

Image:Rembrandt15-it.png

Nella finestra di dialogo "Effetti immagine" applicate alla corncie Rembrandt2 quattro tipi di effetti: "Inverti", "Sfocatura" (con "Raggio" 7.0 e "Valore" 5.0), Scala di grigi e Luminosità (col valore -43):

Image:Rembrandt16-it.png

Decisamente meglio!

Image:Rembrandt17a-it.png

Terza tappa: Aggiungere il testo

È ora di svelare al grande pubblico chi è il personaggio nell'imagine. Create dunque una cornice di testo, cliccando nella barra degli strumenti sull'icona "Cornice testo" o usando il tasto T. La procedura è di nuovo analog a quella presentata all'inizio per lo sfondo. La cornice deve essere sufficientemente grande per contenere il testo mostrato nello screenshot qui sotto. Un doppio clic sulla cornice di testo vi permette di scrivervi "REMBRANDT". Cliccate altrove sullo schermo e selezionate di nuovo la cornice testo.

Nella scheda "Testo" della palette proprietà (tasto di funzione F2) selezionate il tipo di carattere "Gentium", definite una dimensione di carattere di 97 pt e scegliete il bianco come colore del testo. Il risultato dovrebbe essere il seguente:

Image:Rembrandt17-it.png

A poco a poco, la copertina acquisice un aspetto accettabile, ma è pur sempre ancora un po' banale. È l'ora di aggiungere degli elementi grafici per renderla più raffinata. La biografia di Rembrandt ci viene in aiuto: Rembrandt era il suo nome proprio (già allora piuttosto inusuale) mentre il cognome era "van Rijn". Aggiungete una cornice di testo, e con un doppio clic scriveteci "VAN RIJN". Scegliete lo stesso tipo di carattere e la stessa dimensione della prima cornice testo, ma invece del bianco usate il colore "Pink2". "Cosa? Rosa? Rembrandt si rivolterà nella tomba!". Certamente, a meno che intuisca qual'è lo scopo finale. Andate nella scheda "Colore" e definite una "Tonalità" del 50% e un'"Opacità" del 20%. Va meglio ora? Ve l'avevamo detto, persino Rembrandt è contento del risultato – vedete che quasi sorridere?

Infine, non dimenticatevi di abbassare la cornice testo con "Van Rijn" di un livello, dietro alla cornice testo con "Rembrandt".

Image:Rembrandt18-it.png

Vi servono ancora tre nuovi cornici di testo per scrivere "1606", "2006" e "Pittore del secolo d'oro olandese". Usate il carattere Gentium per ognuna delle cornici, definite una dimensione di 53 pt per i numeri e una dimensione di 31 pt per il testo. Scegliete colori che assomiglino a dello screenshot qui sotto: dopo tutto quello che avete imparato finora non dovrebbe essere difficile. notate quanto è gradevole l'insieme? Per ottenere questo risultato avete usato svariati colori e diverse dimensioni, ma avete utilizzato sempre lo stesso tipo di carattere.

Image:Rembrandt18b-it.png

Per completare il titolo, disegnate una linea retta, cliccando sull'icona "Linea" nella barra degli strumenti. Trascinate il mouse da sinistra verso destra tenendo schiacciato il tasto Ctrl per assicurarvi che la linea sia veramente orizzontale. Aprite la scheda "Linea" nella palette delle Proprietà e definite uno spessore della linea di 0.5 pt. Passate nella scheda "Colori" e selezionate "WhiteSmoke" nella lista dei colori per la linea (icona con la penna).

Infine, posizionate la linea a metà fra il "1606" e il "2006".

Image:Rembrandt19-it.png

Quarta tappa: Aggiungere l'"editore"

In quest'ultima fase la copertina viene completata con il logo di un editore immaginario: la "Scribus Editori". Il logo sarà semplicemente quello di Scribus: si tratta del file "Scribusicon.png" che si trova nella cartella "SCRIBUS/share/scribus/icons/" (dove "SCRIBUS" sta per il percorso dov'è installato Scribus).

Create una piccola cornice immagine in basso alla pagina, tra il margine sinistro e l'immagine di copertina. Siccome il logo è ha uno sfondo trasparente, è importante accertarsi che il colore di fondo sia "Nessuno". Analagomante all'immagine principale, importate l'icona con un clic destro e il comando Carica immagine. Per evitare che i colori del logo di Scribus interferiscano con i colori utilizzati per il layout, aprite il pannello "Effetti immagine" seguendo le spiegazioni della seconda tappa. Convertite l'immagine in "Scala di grigi" e aumentate il Contrasto per evitare che il logo non "sparisca" e che, nel contempo, non faccia a pugni con gli altri colori.

Image:Rembrandt20-it.png

Aggiungete il nome dell'editore, creando una cornice testo, dandogli il nome "ScribusEditori" e scrivendo "Scribus Editori" nella cornice stessa. Scegliete il tipo di carattere "Bitstream Vera Sans", una dimensione di 13 pt e il colore "Grey97".

Infine ruotate il testo di 90 gradi: nella scheda "X,Y,Z" della paletta Proprietà inserite "90" come valore per la "Rotazione".

Image:Rembrandt21-it.png Image:Rembrandt_Cover_300-it.png

Usate il mouse per piazzare la cornice testo appena sopra al logo di Scribus. Voilà! Avete creato il vostro primo documento con Scribus: non è stato difficile, vero?

Personal tools